Translate

venerdì 9 febbraio 2018

Perché voto il Movimento 5 Stelle

Risultati immagini per la notte stellata van gogh


























Il votare è un azione importante ed il voto non ha valore.
Mi rattrista alquanto sapere che soprattutto nel Sud dell'Italia si pratica il voto di scambio. Sembrerebbe che in Sicilia, sulla base delle notizie pervenutemi a proposito delle ultime elezioni, il prezzo del voto possa variare tra le 50 e le 25 euro!
Ricordo che quando ero ragazzo i voti si compravano con pacchi di pasta, adesso dopo mezzo secolo, il prezzo è inflazionato ... evviva Dio!

Le mie idee politiche giovanili

Ho lasciato la Sicilia quando avevo 14 anni e raggiunsi i miei genitori che vivevano a Milano. Era il 1970 ed un anno prima s'era compiuta la strage di Piazza Fontana. La capitale lombarda era veramente grigia o così almeno apparve agli occhi di quell'adolescente così abituato all'azzurro del cielo di Sicilia. Venivo dalla profonda provincia meridionale e di politica ne sapevo ben poco anche perché in famiglia mia se ne parlava di raro e quando se ne faceva accenno si percepiva una certa simpatia per la destra che da sempre attira le media borghesia.
Frequentavo la quinta ginnasio di un liceo che per tradizione era considerato di sinistra. Lo spaesato ragazzo meridionale sbarcò nella sua classe e subito si sentì un pesce fuor d'acqua. Fra i miei compagni e compagne c'erano rampolli della buona borghesia milanese esponenti di quella che in Francia verrebbe chiamata "gauche caviar" o nel Regno Unito "radical chic".
Insomma una buona parte erano degli stronzetti che se la tiravano col sinistrese, si vantavano d'aver letto il Capitale e partecipavano alle manifestazioni scandendo "Marx, Lenin, Mao Tse Tung" agitando minacciosamente il pugno col braccio steso in alto. Durante le vacanze andavano a sciare a Zermat, Andermatt od a Courmayer e d'estate si bagnavano nelle acque di Portofino, costa Smeralda o della Versilia. Io, invece durante le vacanze estive, imperterrito e senza una lira tornavo in Sicilia su un treno che impiegava trenta ore per scendere lo stivale e mi bagnavo nelle acque di Brucoli, del Faro di Augusta o della contrada megarese di villa Marina. Onestamente non ho da lamentarmi.
Per i miei compagni di classe comunque ero "il terrone". All'inizio un po' la cosa m'infastidì e mollai qualche cazzotto ma poi ci feci l'abitudine e comunque quell'etichetta mi dava un'identità che mi distingueva da quella massa di pecoroni benestanti.
Comunque sia incominciai ad ascoltare ed ad assimilare concetti estranei alla mia cultura meridionale Infatti da dove venivo era possibile percepire la differenza fra notabili benestanti, contadini e manovali ma non esisteva alcun vero esempio che potesse ricondurre alla distinzione fra la classe borghese da quella operaia. Provenivo da un mondo in cui fondamentalmente non era mai arrivata la rivoluzione industriale e dove, se si riusciva ad entrare come operaio in una delle raffinerie del porto di Augusta, si era ben contenti piuttosto di rimanere disoccupati o destinati all'emigrazione.
Furono anni confusi che mi facevano pensare di vivere in un universo a cui non riuscivo ad adeguarmi ma che produceva figli di papà iscritti a Lotta Continua oppure terroristi come Marco Barbone (omicidio Tobagi).
Cominciai a farmi piano piano delle convinzioni politiche che si delinearono molto di più frequentando l'università ed imparando la genesi delle idee che sfociarono nel socialismo, nel comunismo. Mi piacque moltissimo l'evoluzione del pensiero economico ed apprezzai il materialismo storico di Marx e la sua logica che spiegava le contraddizioni del sistema capitalista. Non tardai a divenire comunista.
Erano gli anni di piombo e la lotta contro il terrorismo rosso e di destra lacerava il nord dell'Italia.
Dopo la laurea ed a parte una breve parentesi d'insegnamento di Storia Contemporanea, cominciai a lavorare per delle multinazionali. Nel frattempo il periodo buio del terrorismo era terminato lasciandosi dietro stragi e misteri.
Andando avanti lungo il mio percorso notai che molti degli stronzetti che agitavano il pugno durante le manifestazioni avevano intrapreso la carriera di manager e me li trovai a fianco certamente più avvantaggiati del sottoscritto perché erano forniti di master all'estero che non potevo permettermi. Cominciai a chiedermi dove erano andate le lotte di classe a fianco delle masse popolari.
Ma la domanda che più cominciò a minare la solidità delle mie convinzioni fu la constatazione che il mondo più che sfruttare la classe operaia occidentale sfruttava le popolazioni di quelli che allora venivano chiamati paesi emergenti. Che senso aveva definirsi comunista?
Continuai a votare il partito comunista fino a che cadde il muro di Berlino e con esso tutti gli alibi per sostenere la lotta di classe nei paesi socialisti ma rimasi un elettore della sinistra: Partito Democratico della Sinistra, Democratici di Sinistra ed infine il Partito Democratico (senza S).

L'ex-cavaliere

In quegli anni gli ideali politici si stemperavano sempre di più anche perché si scontravano con le contraddizioni della vita professionale di tutti i giorni: come si faceva a sentirsi ancora comunisti quando si lavorava per una multinazionale occupando per di più posizioni dirigenziali? Si restava di sinistra perché esisteva Berlusconi e la sua banda che impersonava troppo sfacciatamente le peggiori aspirazioni dell'Italietta. Non è che la sinistra fosse composta da chierichetti ma, come dicevo e come dico, è una questione di percentuale ed è indubbio che in certi partiti od in certe zone geografiche di farabutti ce ne sono di più che altrove.
Insomma combattere Berlusconi era la vera missione.
Nel frattempo l'Italia era cambiata, già da tempo l'industria di stato (IRI), resa esangue dai boiardi della politica democristiana e socialista, era stata smantellata da Prodi ed Amato ed il nostro paese si ritrovò ad entrare in Europa senza una solida industria manifatturiera, protagonista del boom nel dopoguerra, ma di un esercito di piccole e medie imprese ben presto schiacciate dai mastodonti tedeschi e francesi. Nella prima metà degli anni novanta i bislacchi tentativi degli spocchiosi componenti della Razza Padrona erano falliti miseramente sul piano internazionale (De Benedetti, Gardini, Berlusconi, Romiti, Agnelli, Pesenti) offrendo un'immagine un po' gigionesca ed approssimativa del capitale italiano.
Ed Italo?
Beh, io mi disinteressai sempre più dalla politica concentrandomi sui fatti miei e sulle tre bocche da sfamare. Fui sfiorato dalla tempesta che la procura di Milano sferrò contro la Gemina negli anni 1994 e nel 1998 lasciai Milano e l'Italia, la Francia divenne la mia seconda patria.
Da oltre le Alpi continuai a seguire il mio paese che comunque mi deludeva sempre di più e vivendo all'estero mi resi conto di quanto si provincializzasse sempre più. Sì, votavo ancora a sinistra ma più per inerzia che per convinzione dei politici che la rappresentavano.
Il populismo di fatto l'iniziò e l'inventò Berlusconi che, col suo istrionismo da commediante consumato, aveva ben capito come attrarre a lui gl'italiani che non avevano più alcuna motivazione e quella classe media senza vere aspirazioni se non quella di sbarcare il lunario mantenendo il potere d'acquisto necessario per soddisfare le basilari necessità propagandate dalla pubblicità televisiva. Quel palazzinaro aveva capito come si può far leva sulle mediocri aspirazioni della gente per ricevere consenso. E' sufficiente osservare le modalità di vendita che ha attuato nella sua carriera d'imprenditore per comprendere la sua strategia nei confronti degli elettori. 
Forse i milanesi si ricordano il quartiere di Milano2 a Segrate: la campagna vendite fu incentrata sull'idea d'esclusività, i prezzi erano alti ma non troppo per non scoraggiare la media borghesia che mirava d'accasarsi in una residenza di prestigio (non entro nel merito di tutte le magagne relative al dirottamento degli aerei per evitare il rumore dei jet od ai fondi ricevuti dalla mafia).
Chi si può scordare il lancio delle sue televisioni e della trasmissione principe "Drive in" infarcita da comici spesso sguaiati e donnine dal petto debordante e dall'aria d'oche giulive? Certo, il pubblico a cui si mirava era quello del bar dello sport. E quando, invece, fece incetta di attori e presentatori della tivù pubblica? Bongiorno, Pippo Baudo (fece delle andate e ritorno), Lino Banfi,  Maurizio Costanzo (fratello massone tanto quanto il cavaliere), Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, Corrado, Pregadio ...? Tutti artisti che dovevano attirare la classe media. L'equazione audience (bar dello sport + classe media) e pubblicità fu presto fatta.
Insomma l'ex-Cavaliere del lavoro è un genio nel suo genere e lo è soprattutto nell'affascinare la classe medio piccola. E' ancora un ottimo pifferaio malgrado la sua veneranda età. Lo si vede nella condotta dell'attuale campagna elettorale.
La sinistra, quella per cui ho sempre votato, non ha mai capito come un uomo dall'immagine così deteriorata riuscisse ad avere un così importante seguito d'elettori. Il primo che l'ha veramente compreso è stato Matteo Renzi, il vero emulo dell'ex-cavaliere. Ha applicato la sua ricetta e da sindaco di Firenze è diventato Primo Ministro per 1000 giorni. Ha condotto questo paese con quel suo viso da ex-bambino pacioccone e piacione non avendo neanche paura di mentire (mi dimetto se perdo il referendum!). L'ex-cavaliere gli ha insegnato che gli elettori hanno la memoria corta e basta che s'ignorino, per qualche settimana, le critiche sulle promesse non mantenute per passare successivamente ad altro. Ormai sono tutti populisti con buona pace alle ideologie che si sono sbriciolate assieme al muro di Berlino.
Si era di destra perché si odiava il comunismo ma quando il comunismo s'è vanificato chi era il nemico?
Questo quesito se lo pose Berlusconi quando si presentò nel 1994. Uno dei suoi slogan era che bisognava combattere il comunismo. Di fatto riesumò un cadavere ancora caldo trasformandolo in zombie per far paura ad un elettorato conservatore e cattolico abituato ad avere come nemico referente il comunista che mangia i bambini. In effetti dopo la caduta del muro di Berlino tutti gli elettori si trovarono spaesati: chi era il nemico?
E' come se alla Chiesa Cattolica gli si togliesse il diavolo: cosa bisogna combattere?
L'ex-cavaliere capì che, prima che quell'idea di malefico essere svanisse nei ricordi di un certo elettorato, era necessario effettuare una sorta d'accanimento terapeutico per farlo vivere ancora.
Di una cosa dobbiamo rassegnarci: fra qualche decennio, quando i nostri nipoti s'affacceranno sui libri di storia, oltre che il periodo giolittiano studieranno quello berlusconiano. Volenti o nolenti l'ex-cavaliere è entrato nella storia del nostro paese (sic!).

Destra, sinistra, populismo ... stessa faccia, stessa razza! 

Ma qual è la vera differenza fra la destra e la sinistra?
Nessuna concreta differenza se non l'immagine che ognuna si dà.
Qualsiasi partito o compagine che sale al governo sa bene che ogni nazione deve fare i conti con il potere economico e confrontarsi con problemi comuni degli altri paesi: indebitamento, invecchiamento della popolazione, globalizzazione, rilancio dell'economia, mantenimento competitivo in un panorama economico estremamente agguerrito dove i portatori d'innovazione e di produttività non sono più i paesi occidentali.
Le soluzioni di questi problemi non sono miliardi ma sono sempre le stesse e passano attraverso le maglie d'una migliore efficienza produttiva, della riduzione degli sprechi, d'investimenti duraturi, d'ottimizzazione fiscale, d'un miglioramento della macchina amministrativa, d'un investimento nella ricerca e d'un sistema salariale flessibile.
Tutti i capi politici del mondo lo sanno ma come si fa ad attrarre elettorato dicendogli: ragazzi, dovete farvi il culo? No, non lo si fa, è un suicidio politico.
Si cerca allora di fare del populismo (80 euro, reddito di cittadinanza, flat tax, ponti sugli stretti, innalzamento pensioni, condoni edilizi ... insomma Cchiù pilu pe' tutti!) cercando di contenersi per non spararla troppo grossa!
Ecco un esempio che mostra come un attitudine non populista possa nuocere al politico: la Germania all'inizio del terzo millennio.
Gerhald Schroder precedette Angela Merkel nella guida della Germania e fece il lavoro sporco che riportò la Germania a riprendere il vessillo dell'economia europea dopo lo scossone che l'unificazione delle due Germanie aveva prodotto. Non si può dire che il suo governo sia stato tipicamente socialista eppure Schroder è di sinistra, della SPD. Attuò riforme che resero flessibile il costo del lavoro in Germania, rese più efficiente la fiscalità e favorì l'integrazione degli stranieri nel suo paese. Questa politica, atta a ridurre il costo del lavoro ed a rigenerare una nazione che cominciava ad invecchiare rapidamente e che necessitava di manodopera per ricostruire la Germania dell'Est, lo rese impopolare tanto che i suoi più agguerriti nemici erano da ricercarsi fra i sindacati. Chi beneficiò della sua politica fu Angela Merkel. Insomma Gerhald Schroder si suicidò politicamente poiché portò avanti la politica economica che necessitava al paese e che obbligò i tedeschi ad ingoiare la pillola amara. Questa vicenda politica (mi scuso per la sintesi a cui faccio ricorso) insegna due cose: la politica conservatrice fu portata avanti da un socialista (sic!) e che Schroder non pensò tanto a rendersi simpatico con una politica populista ma tirò avanti per la sua strada.
Quindi la politica ha bisogno del populismo sempre di più e noi possediamo il mentore di tale strategia: Berlusconi.
Facciamo un salto in Francia, dai nostri cosiddetti cugini.
Emmanuel Macron è da meno d'un anno presidente della repubblica francese: è quello che io chiamo un populista illuminato. La sua azione è stata fulminea, s'è svolta in qualche mese, giusto il tempo necessario per montare una campagna elettorale. Non ha dovuto attendere tutti gli anni che sono stati necessari a Beppe Grillo per mirare alla posizione più alta dello stato francese. Certo, il contesto è diverso ed il parallelismo fra i due uomini politici è arduo, ma il fine lo stesso: annientare i partiti tradizionali. C'è riuscito alla grande perseguendo un'altra strada. Grillo ha costruito un movimento col tempo selezionando i quadri procedendo per gradi e facendo suo il credo che internet possa essere uno strumento d'aggregazione e di democrazia diretta. Macron, da buon francese che ha fatto l'ENA, è andato a cercarsi i quadri del suo partito fra la giovane intellighentia esclusa fino adesso dai giochi di potere dei partiti tradizionali. Grillo, che come esperienza non aveva nient'altro che quella teatrale, ha selezionato nel tempo i quadri promettenti in un paese dove non c'è alcuna cultura, formazione e rispetto per l'amministrazione pubblica facendoli crescere  e responsabilizzandoli mentre il movimento cresceva. Macron ha attinto direttamente dal bacino delle centinaia di diplomati nelle università di stato che sfornano, dopo selezioni durissime, i futuri quadri dirigenti del paese e che in genere sono alla testa dell'amministrazione pubblica. Una tradizione che è stata consacrata da Napoleone ed a cui i francesi si sono d'allora ispirati per creare la propria classe dirigente. Emmanuel Macron è andato a cercare quelli non compromessi con i vecchi partiti. Il francese aveva la materia prima a portata di mano l'italiano ha dovuto plasmarla. La strategia di Grillo è stata affidata molte volte all'improvvisazione (noi italiani ne siamo i campioni) quella di Macron è stata studiata a tavolino. Nella sua campagna elettorale non ha disdegnato comportamenti populisti. E chi ci dice che Macron non abbia studiato il campione del populismo? Il suo movimento si chiama "la Repubblique en marche" e mi pare altrettanto roboante quanto il nome del partito "Forza Italia". Non vi sembra? La grossa differenza fra i due è la loro pulizia morale e l'establishement che li circondano (inutile fare i nomi del cerchio magico dell'ex-cavaliere, si rischia solo la depressione).
Tutto questo per dire che la politica del post muro di Berlino ha bisogno del cosiddetto populismo per attrarre voti e chi non lo fa muore politicamente.
Quindi che si accusi il Movimento 5 Stelle d'essere populista non provoca in me alcun sconcerto perché lo sono un po' tutti i partiti che si presentano sulla scena politica. Quando le compagini tradizionali accusano M5S d'essere populista mi vien da sorridere perché penso che siano come il bue che accusa l'asino d'essere cornuto!

Epilogo

Perché, dunque, voto il Movimento di Grillo?
Perché, io che sono amante dell'azione, ho vissuto in Italia statica e che ha preferito farsi abbindolare ripetutamente piuttosto che prepararsi al futuro.
Perché quelli del M5S attuano quella che Renzi chiamava "rottamazione", quella vera però non legata ad uno stupido fatto generazionale, che si rivolge alla classe politica che da mezzo secolo non ha condotto a nulla se non al degrado morale di paese.
Perché sono rimasto affezionato a Berlinguer ed alla sua "questione morale" da sempre avvilita alle logiche del potere. Berlinguer ti voglio bene ... sei forse l'unico fra i politici italiani che potrebbe avere sulla sua tomba lo stesso epitaffio di Kant
Perché ho sete di un po' di rigore, di un po' di "talebani". Sì, talebani o giacobini se preferite. In senso lato, naturalmente. No, nessuna lapidazione o ghigliottina ma una minore propensione al compromesso ed all'inciucio.
Perché sono nostalgico della mia giovinezza, quando credevo in qualcosa quarant'anni fa.
Perché non penso che ciò che è proposto dai leader di M5S sia la panacea ma mi piace il loro approccio nuovo. E se fanno disastri? No, non penso che siano degli irresponsabili, almeno non più di chi li ha preceduti. In ogni caso, se l'esperimento dovesse risultare così disastroso, alla prossima elezione si può votare diversamente ... a sessantadue anni ho capito che per essere liberi non bisogna indossare alcuna casacca e chi non cambia idea di fronte alla prova dei fatti è un imbecille.

P.S.: Mi scuso se diversamente a quanto richiede internet, per quanto riguarda i messaggi in rete, mi sono dilungato provocando l'abbandono di molti lettori ma vorrei concludere riprendendo ciò che ho scritto all'inizio di questo blog per ricordare che ... il voto siamo noi. Il mio voto è la sintesi delle mie idee, della mia vita. No, non lo svendo a nessuno, vale più di una manciata di euro. Non solo il mio ma quello d'ogni essere umano ha un valore inestimabile. Molti non lo sanno perché gli si fa credere che ... tanto tutti i politici sono uguali! Forse, ma io sono un inguaribile ottimista ed anche se ho potuto constatare nella mia vita dove la vanità, il narcisismo e la sete di potere possono portare spero che sempre più uomini possano far propria la conclusione della "Critica della ragion pratica" di Kant e che furono scolpite come epitaffio sulla sua tomba: Due cose riempiono l’animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me. Queste due cose io non ho bisogno di cercarle e semplicemente supporle come se fossero avvolte nell’oscurità, o fossero nel trascendente fuori del mio orizzonte; io le vedo davanti a me e le connetto immediatamente con la coscienza della mia esistenza .
Chi acquista voti ha l'animo immondo dei prosseneti, degli sfruttatori e li collocherei nella prima bolgia dell'ottavo girone dell'Inferno dove Dante li faceva frustare perennemente ... ai suoi tempi non esisteva il voto di scambio!










domenica 17 dicembre 2017

Stelle e stelline






La notte è lunga, sembra che non finisca mai.
Mi affanno tutta la giornata a portare avanti il programma che m'ero prefissato ma la sera ogni mia energia sembra evaporata e scomparsa nel buio della notte.
E' come se qualcuno mi dicesse:
- Fermati, tutto è inutile. Ma dove vuoi andare? -
Che ne so, dove voglio andare.
Ma questa vita deve essere riempita sennò che vita è?
- Hai sessantuno anni, tira i remi in barca. -
Ma quali remi in barca? I remi te li do in testa! - penso indispettito rivolgendomi al mio inesistente interlocutore.
Difficilmente mi volgo indietro per vedere la mia vita fin qui vissuta. E' come se l'avessi rimossa, come se fosse inesistente.
Ieri mi sono imbattuto in un articolo che parlava del ROCE. Chi è costui? Ma certo, un indicatore economico!
Un acronimo che usavo quando lavoravo per una multinazionale ... ma non ricordo che caspita rappresenta e neanche che cavolo vuol dire! Ho smesso di lavorare per il sistema solo due anni fa! Ma è come se fossero trascorsi degli anni luce. Tutto rimosso.
Eppure quella vita l'ho vissuta, era la mia. Adesso mi sembra di qualcun altro.
In questa casa, troppo grande, vivo solo. Ho deciso di restringere i miei confini e trascorro il tempo in una stanza come se volessi essere un recluso. Il mondo fuori mi sembra troppo grande tanto che in certi momenti m'intimorisce, tanto grande così come l'immaginavo quando ero bambino.
Fuori, oltre la finestra, mi fanno compagnia i latrati di cani annoiati, il grido delle civette ed il miagolio della gatta Isadora perennemente affamata ed in cerca di carezze ...
Lontano, gli uomini rischiarano la notte  con le luci del paese. I fari delle macchine,  sempre più sporadiche, illuminano le strade immerse nella notte.
- Io ci sono, mondo ci sono! -
E' una notte invernale senza luna, fredda ma non gelida. Una notte in Sicilia, nella mia Sicilia dove ho deciso di tornare.
- Perché non esci? A cosa serve rimanere solo, t'intristisci. - dice il mio interlocutore inesistente, forse un fantasma.
Non ho paura dei fantasmi, so che sono sempre con me e spesso mi fanno compagnia.
Senza di loro non sarei me stesso.
- Non sono triste, sto bene così ... stranamente mi sentirei più solo se fossi in mezzo agli uomini. -
Io so perché questo accade: quando sono in compagnia degli altri esseri umani i fantasmi m'abbandonano, non li sento più. S'allontanano come se non volessero mischiarsi con altre compagnie.
Forse è meglio così, altrimenti non riuscirei a distinguere tra un interlocutore reale od irreale.
Guardo su, verso il cielo nero, spengo la luce della mia cella.
- Quante stelle! -
- Sì, sono tante. Miliardi, molti miliardi ... in tutte le galassie, in tutti gli universi. -
Qualche istante fa il mondo mi sembrava grande adesso anche lui è minuscolo.

- Ecco, quella è la via Lattea. - m'indicò una sera sul finire dell'estate il mio amico Gerolamo. Io avevo 9 anni e lui 16. Lo consideravo il mio fratello maggiore.
Eravamo a Gela su una collinetta dove, all'imbrunire, eravamo usi  andare a depredare un albero di gelsi bianchi. Mi aveva promesso che mi avrebbe insegnato qualcosa sulle stelle. Mia madre si fidava di lui.
- Cos'è? - domandai mentre mi sedevo su un masso.
- Un sentiero di stelle. -
- Ci si cammina su? -
- Un giorno, forse, quando saremo morti! -
Mi rincuorai perché pensai che la morte era qualcosa di remoto troppo lontana e che riguardava i vecchi non i bambini.
- Ma non si va in Paradiso od all'Inferno, dopo che s'è morti? -
- Sì, certo, il Paradiso è dove c'è la via Lattea. -
- ... e l'Inferno? -
- Dove non ci sono stelle, dove vedi il buio. -
- Ma all'Inferno non ci sono le fiamme eterne? -
- Sì, certo, ma sono fiamme invisibili che bruciano senza che le si vedano. -
Era indubbio che Gerolamo se la sapesse cavar bene ad improvvisare fandonie.

Mi scordai delle stelle e della via Lattea. Vissi senza ricordarmi di esse considerandole solo un ornamento, ignorandole.
Stasera però le cerco come se le stessi scoprendo per la prima volta. Le scruto con gli stessi occhi di quel bambino che più di cinquant'anni fa era seduto su un masso sulla collina nei pressi di Gela. Non so più distinguere la via Lattea.
- Se tu sapessi quanto è insignificante la Terra confusa fra tutti gli astri! Ai confini della nostra galassia non è nemmeno visibile. - mi dice il mio etereo compagno.
- Lo posso immaginare ed immaginandolo mi rendo conto quanto si è infinitesimamente piccoli e quanto lo sono stati pure tutti quegli uomini che hanno creduto di porsi al di sopra degli altri e per questo hanno fatto scorrere fiumi di sangue. -
Fuori il vento comincia a scuotere le chiome degli alberi. Sento il loro fruscio oltre i vetri. Vedo agitarsi gli ulivi secolari come se volessero svincolarsi dalla presa di quel maestrale notturno che vorrebbe ghermirli.
- E' come se fossimo sette miliardi e mezzo di microbi aggrappati ad una palla dall'equilibrio precario. Su di essa ci battiamo per il predominio sugli altri uomini utilizzando dei ideologie come i nazionalismi, superstizioni dogmatiche come le religioni o gli egoismi miopi come la sete di potere e di ricchezza. Tutti sentimenti che impediscono agli uomini di guardare le stelle poiché rimangono concentrati sul proprio ombelico. - commento ormai deciso ad inoltrarmi su un sentiero filosofico.
- Sono d'accordo, se si guardasse di più le stelle e si cercasse di comprendere quanto è breve la vita rispetto ai corpi celesti e quante velleitarie sono le nostre aspirazioni di gloria, forse l'umanità potrebbe prendere finalmente coscienza di chi se stessa e smetterebbe di crocifiggere il Cristo o di bruciare Giordano Bruno. Smetterebbe di corrompere con i suoi miasmi il pianeta che la ospita e lo rispetterebbe di più poiché rispetterebbe se stessa.-
Che lo spirito con cui ormai apertamente dialogo non sia un filosofo?
- Per compiere questa inversione di tendenza basterebbe rivolgere gli occhi al cielo? -
- No, non solo ... ma sarebbe già un inizio perché ci porterebbe senza alcun dubbio a concentrarsi sul nostro futuro e a distoglierci dall'attenzione ossessiva che abbiamo sul terreno su cui poggiano i nostri piedi ... perché, in definitiva, noi veniamo dalle Stelle ed alle Stelle torneremo. -
L'ho quasi dimenticata ma, sotto la scrivania, dorme Clio, una delle mie cagnette randagie. Si lamenta nel sonno, forse un incubo. Che non sia lei la mia interlocutrice? Magari lo spirito si nasconde dentro l'animale?
- Ma chi sei tu? -
- Gerolamo. -
Avrei dovuto aspettarmelo! Nella mente s'affollano mille domande ma riesco a dire solo:
- ... e già! -
Quando con la mia famiglia lasciammo Gela mi dimenticai di lui, del mio fratello maggiore adottivo, e delle stelle.
- Sei sulla via Lattea, adesso? -
Nessuno mi risponde ... forse è andato via, forse non avrei dovuto domandare.
Il vento ormai ha aumentato d'intensità come se, frustrato per non essere riuscito a sradicare gli ulivi, volesse adesso strappare dalle fondamenta la mia casa. Clio guaisce ancora e nel sonno mostra i canini.
Io resto davanti alla finestra a scrutare quei puntini nell'oscurità e così penso:
- Non è che la Terra sia grande o che l'Universo sia immenso ma sono io un essere piccolo piccolo, minuscolo. -
Sono perso nell'infinito e la mia vita non ha alcun significato se volessi giustificarla con le illusorie aspirazioni inventate dall'uomo. Secondo quei parametri ho ben poco di cui vantarmi.
La mia vita ha, invece, significato solo se ammetto di far parte di quel pulviscolo che, confuso ad altri ancora,  un giorno si ricongiungerà col cielo stellato. L'umiltà aiuta a giustificare la nostra esistenza non l'egocentrica superbia.
Ciao Gerolamo.


giovedì 15 dicembre 2016

La grande pioggia

Laggiù, oltre le vetrate, sul mare nero i bagliori si susseguono e solo dopo qualche manciata di secondi si percepisce il brontolio dei tuoni.
La grande pioggia sta tornando.
Sembrava che ci avesse abbandonato, ma invece s'è presa qualche ora di pausa e sta ritornando da dove era venuta. Il mare amplifica la luce dei fulmini e come uno specchio riflette i lampi ed aiuta a rischiarare questa notte senza luna, senza il brillio delle stelle.
Lo so che la quiete della campagna sarà ben presto interrotta dal vento che scuoterà la chioma degli alberi. A questa avanguardia seguiranno scrosci di pioggia violenta che schiaffeggerà chi oserà frapporsi nella sua caduta.
- Qui in Sicilia si ferma tutto quando piove. - mi aveva detto il mio amico Carmelo.
Ed é vero! Nella breve incursione che ho fatto stamattina alla ricerca d'un po' di pane il paese m'è sembrato svuotato, deserto.
Ecco il tuono che annuncia la tempesta imminente! E' vicino e non brontola più, ruggisce.
Vieni grande pioggia, ti aspetto.
Da più d'una settimana non ci vuoi abbandonare. 
Gonfi i torrenti ed allaghi il paese trasformando le vie in ruscelli in piena. 
La pioggia, persa la libertà che aveva in cielo, mal s'adegua alle barriere che le si frappongono.
Dalla finestra vedo la cagna Nelly. La osservo aggirarsi spaventata intorno alla casa. Ha il terrore dei fulmini e cerca un riparo. Le apro l'uscio invitandola ad entrare ma il suo rancore nei miei riguardi è più forte della paura. Oggi, infatti, ho provato a metterle il guinzaglio.
- L'abitui a portarla al guinzaglio, vedrà che la sua cagna s'affezionerà ancora di più a lei perché la riconoscerà come capo branco. - mi aveva detto il veterinario.
Figurati! Nelly s'è divincolata come un cavallo imbizzarrito in un rodeo. E' da otto anni che vive libera nella campagna, cosa vuoi metterle il guinzaglio! No, non mi ha ringhiato non si permetterebbe mai! S'è solo un po' incazzata e da brava siciliana adesso per un paio di giorni mi terrà il broncio, anzi il muso.
- Entra, dai non fare la scema! - 
Macché, troppo orgogliosa!
- Beh, fai come ti pare! -
Arrivano le prime gocce portate dal vento, imperlano il vetro.
Sono solo nella grande casa.
La solitudine non mi spaventa, m'ha accompagnato per lunghi tragitti della mia vita insieme ai miei pensieri, al mio mondo interiore, ai miei fantasmi.
Stasera mi fa compagnia il fantasma di mio padre. E' morto quasi tre mesi fa.
Mi sembra che siano trascorsi degli anni.

- Paolo, papà l'abbiamo ricoverato in un istituto dove prendono in carico i malati terminali, i morituri. - mio fratello mi disse al telefono.
- Per quanto ne ha? -
- I medici dicono che è questione di giorni. -
- D'accordo. Parto oggi stesso. -
Il viaggio per Milano lo feci in treno. No, non presi l'aereo volevo prendermi del tempo o forse non volevo vederlo morire.
Viaggiai guardando ininterrottamente fuori dal finestrino e lasciai che i miei pensieri si mischiassero colle immagini della penisola che risalivo. Quel tragitto l'avevo fatto decine di volte quando ero giovane e senza una lira in tasca. Viaggiavo con gl'immigrati, con i terroni che lavoravano nel nord dell'Europa. Ho ancora nelle narici quell'odore inconfondibile d'umanità costretta a vivere in promiscuità anche per trenta ore. Quel convoglio trasportava speranza mista a tristezza.
La frenesia della mia vita successiva mi fece dimenticare quel treno, si chiamava la Freccia del Sud, e presi a viaggiare in aereo ... mi sembrò che quella convivenza ferroviaria non fosse mai esistita.
Adesso in età matura mi è tornata la voglia di dividere il viaggio con altra gente per qualche ora. Di sentire le loro storie, di raccontare le mie. La vita forse è come una parabola, una gaussiana ... forse un giorno sarò ancora senza un soldo in tasca, chissà ... e forse mi sentirò ancora giovane senza esserlo.
All'istituto mi venne incontro una dottoressa bionda e piccolina. Mi rivolse un sorriso dolce e rasserenante.
- Chi cerca? - mi chiese.
- Cerco la camera dov'è ricoverato il sig. Valiani. -
- Ah, lei è il figlio che vive in Sicilia. -
- Sì, sono io. -
- L'accompagno. -
Mio padre giaceva sul letto. Una flebo era attaccata al suo braccio destro, sotto la rete pendeva il sacchetto del catetere.
- Dorme? -
La dottoressa s'avvicinò al capezzale e gli accarezzò la fronte.
- Carlo. - chiamò.
Mio padre non ebbe alcuna reazione.
- Un po' dorme, ma io penso che se gli parla qualche cosa percepisce. -
- Capisco. -
- La lascio solo con lui. -
Il piccolo angelo biondo scivolò fuori dalla stanza.
Mi avvicinai ed osservai meglio il morente.
La testa di mio padre s'era come rimpicciolita, il volto era divenuto scarno come se la pelle aderisse direttamente al suo cranio. Il corpo gonfio, tratteneva i liquidi.
Gli presi la mano tumida, quasi mostruosa adagiata a fianco del suo corpo.
- Papà, sono io, sono Paolo. Sono arrivato. -
Inutile sperare in una reazione.
- I ragazzi, ti salutano. Stanno lavorando a Londra, sono contenti. Tua nipote Marta sta andando bene negli studi ... è fuori razza! - sapevo che battute del genere lo divertivano.
Respirava appena. Solo un alito usciva dalla bocca socchiusa. Osservai le sue gote incavate.
Presi una sedia e la misi accanto al letto, feci attenzione a non far rumore.
Mi sedetti accanto e presi la sua mano fra le mie.
Nella stanza accanto arrivavano i suoni di voci attutite.
Sapevo che sarebbe morto da lì a poco. Sarei stato presente quando avrebbe esalato l'ultimo respiro così come lo ero stato quando mia madre se ne andò.
Guardai la mano inerte e non so perché parlai. Con un fil di voce come se pregassi.
- Quante volte mi hai colpito con questa mano? Quante volte mi hai picchiato? ... sei stato violento con tutti noi e forse con me in particolare. Noi, i tuoi figli, lo sappiamo. Anche tua moglie lo sapeva ma non siamo mai riusci a parlarne fuori della famiglia ... a che serviva? Forse ci vergognavamo. Sai, papà, io ho rimosso tutto. Devo quasi sforzarmi per far rivenire alla mente gli attimi di terrore quando ti scagliavi contro di me ... quello che mi porto dentro è solo una tristezza infinita. Mi dispiace per te, papà, mi dispiace che tu sia stato così ... a me sarebbe piaciuto essere un figlio ed avere un padre ... non, un uomo succube della sua stessa violenza. Ti ho visto invecchiare, divenire debole gradualmente e più diventavi vecchio e più m'accorgevo quanto sarebbe stato facile prevaricarti. Ma la vergogna d'avere questo pensiero mi soffocava. Forse avrei dovuto parlarti, ricordarti il passato ma a che pro? Forse per rinnovare la sofferenza? La mia, la tua? Perché riattizzarla? Adesso che te ne vai te la porti via con te, è vero papà? Te la porti via insieme alla violenza che l'ha generata e fai che non rivenga più. Grazie papà, grazie. Mi dispiace, mi dispiace tanto ... è difficile essere uomini, lo so. E' stato tanto difficile ... -
Fuori il cielo era incolore.
Osservai il volto di mio padre.
Misi una mano sulla sua bocca. No, non usciva più nessun alito.
- Papà! - dissi e nulla più.

Adesso guardo la tempesta oltre le finestre. La pioggia sferza il cortile e s'infrange scagliandosi rabbiosa contro i vetri come se volesse romperli.
Fuori la cagna Nelly mi guarda immobile ed atterrita da quel putiferio della natura. E' incapace di fare il benché minimo movimento.
Apro l'uscio della casa. La pioggia cade e forma un muro d'acqua. L'attraverso, incurante del freddo.
Il cielo è attraversato da bagliori che dopo qualche attimo si trasformano in fragorosi tuoni.
M'avvicino alla cagna.
- Stai tranquilla Nelly, è solo acqua ... e qualche lampo! -
Cerco di tirarla per il collare ma lei rimane immobile impietrita per il terrore.
Ormai sono tutto zuppo, come lei.
Mi siedo al suo fianco e le abbraccio il poderoso collo.
- Scusami se ti ho messo il guinzaglio. - le dico avvicinandomi al suo orecchio per vincere il forte scroscio della pioggia.
E resto lì, in attesa.


mercoledì 19 ottobre 2016

Lo scialo (no, non è un articolo su Vasco Pratolini)

Ascolto spesso i programmi delle televisioni italiane anche quando trascorro parte del mio tempo in Francia, paese in cui ho lavorato per più d’un decennio e che ormai, dopo l’Italia, è quello che conosco meglio.
Non voglio in questa sede lanciarmi in un’analisi comparata fra i due paesi che, a dispetto di coloro che insistono dal definirli cugini, hanno ben poca parentela se non l’origine latina delle due lingue. Penso di conoscere i pregi ed i difetti della Francia come quelli dell’Italia ma se del primo paese accetto le caratteristiche negative e positive come imprescindibili del paese stesso (la Francia non potrebbe essere la Francia senza i suoi difetti) per quanto riguarda il mio, invece, mi ribello nell’accettare le pecche. Anzi, voglio essere più esplicito, io intimamente soffro.
Questa sofferenza non è dettata da una forma di nazionalismo che mi porta a voler far eccellere l’Italia sul resto del mondo ma dalla visione di quanto scialo si presenta ai miei occhi. Io, per scelta non sono nazionalista (fatta eccezione che per le partite della squadra di calcio, non sono perfetto, lo so!) infatti penso che il mondo sarebbe migliore se si decidesse di bruciare tutte le bandiere.
Cosa posso farci se non amo lo spreco?
In Italia si spreca parecchio: soldi, monumenti, bellezze naturali, opportunità e … si sprecano tante, tante parole.
Soprattutto sulla cosa politica. Che ci sia campagna elettorale, referendum o no lo spazio offerto dai media allo spettacolo dei politici oltrepassa oltremodo quello che è consacrato dai mezzi di comunicazione di massa della Francia (e non entro nel merito di altri paesi). I nostri politici sono degli showman/woman e non ci si deve affatto meravigliare se fra i maggiori leader noi annoveriamo un comico (quando Berlusconi imperava, anche lui con le sue barzellette cercava d’essere un po’ come Grillo!).
In Italia si scialano parole, quindi, ed uno degli argomenti principe su cui i politici mostrano tanta preoccupazione quanta incompetenza riguarda il futuro dei giovani. L’intento è chiaro: più ci si mostra preoccupati più si vuole dare l’impressione che si prende in carico il futuro delle nuove generazioni e più si spera d’accaparrare voti.
I politici parlano e promettono posti sicuri, i politici mentono ed in maniera spudorata.
Un posto di lavoro è sicuro se l’azienda che lo offre è sicura. Se dopo qualche anno va a carte quarantotto anche il lavoro cosiddetto sicuro andrà a carte quarantotto!
Come può un’azienda essere sicura?
Ho le mie idee, ma non voglio annoiare esponendole e lascio gli economisti esercitarsi in quello che è il loro ruolo.
Osservo solo una cosa: un’attività può durare se sa guardare al futuro se è capace d’avere una visione prospettica che non si limiti all'ottenimento dei profitti nel breve periodo. L’Italia è perennemente stata miope, non è mai riuscita a vedere oltre al proprio naso. Dalla sua unità il nostro paese è sempre rimasto ai margini e relegato fra le province del mondo. In tutta la sua storia siamo stati considerati (e lo siamo) dei provinciali. Quindi il nostro futuro dipende da quello che il nucleo centrale delle economie forti decide per noi. Abbiamo per decenni cincischiato e sprecato parole (ancora dello scialo!) a favore dell’investimento nella ricerca e nello sviluppo in Italia (vero ed unico argomento che avrebbe favorito le generazioni future!), ma nulla ne è scaturito. Piuttosto d’ubriacarci con il mantenimento o salvataggi d’attività che palesemente avevano gli anni contati (l’industria siderurgica o petrolchimica) avremmo potuto concentrarci su attività legate alla new economy e forse avremmo potuto avere anche noi delle piccole Silicon Valley ma i nostri imprenditori, si sa, sono più degli speculatori che dei visionari (con pochissime eccezioni)!
Ricordo che in una popolare trasmissione l’ingegnere De Benedetti raccontava, come un aneddoto divertente, quando snobbò Steve Jobs. Io al posto suo mi vergognerei fare il minimo accenno sull’argomento in quanto, come imprenditore visionario, mostrerei la mia inettitudine.
Inutile piangere sul latte versato e guardiamo davanti a noi.
Insomma che cosa il nucleo centrale delle economie forti ci lascia? Ben poco, anzi nulla!
Una cosa però nessuno ci può togliere: il nostro patrimonio naturale ed artistico ed il nostro carattere, forse molto poco produttivo nel senso dell’economia classica, ma decisamente geniale nella capacità di creare la qualità della vita.
Noi lo sappiamo e ce ne vantiamo ma siamo incapaci di rendere queste caratteristiche delle vere miniere d’oro durabili. Non siamo visionari, lavoriamo sul breve periodo. Riusciamo a meravigliare provocando delle fiammate che, ahimè, sono effimere!
C’è chi invece ha intuito quanto l’italianità sia una merce che il mercato richiede.
Sì, c’è qualcuno che l’ha intuito e, mi dispiace per l’orgoglio nazionale, non è italiano bensì francese. Due giovani trentenni: Tigrane Seydoux e Victor Lugger.
Hanno inventato una catena di ristoranti italiani con una impronta che richiama le locande e le trattorie del nostro paese ma senza troppo insistere su questo cliché. Il loro concetto è semplice: vogliono che il cibo del belpaese di qualità abbia costi italiani, non parigini. Per far questo sono entrati in contatto con piccoli produttori dello stivale a cui acquistano quasi la totalità della loro produzione. Nessun intermediario e i costi restano contenuti.
Ieri sera ho provato uno dei locali. Il cibo effettivamente è di buona qualità per il pubblico francese ed è incentrato su prodotti che i transalpini amano particolarmente: la burrata, le tagliatelle al tartufo nero o le pizze veraci … si trova quello che il popolo d’oltralpe ama di più della nostra cucina. Non troverò mai la pasta e fagioli di mia nonna Lena od il brasato della zia Evelina … ma che importa? Si vende l’Italia.
Se andate nel loro sito lo troverete traboccante di luoghi comuni sul nostro paese, ma chi se ne frega? Ai francesi piace così!
Siete mai andati in Giappone? Ecco, quello che troverete nei ristoranti del paese del sol levante non è lo stesso cibo che va per la maggiore nei ristoranti giapponesi disseminati in Italia. Quindi c’è poco da scandalizzarsi!
Ma la sorpresa più bella è che tutto il personale, dai cuochi ai camerieri, sono italiani e tutti giovani!
- Io sono napoletano di Napoli, anche lui è campano – mi dice il capocuoco indicandomi un altro collega – Quello è siciliano, quello di Verona. –
- Terroni e polentoni, tutti insieme. – dico io e li faccio ridere.
Mi giro ed osservo la sala piena d’avventori e vedo quei ragazzi con i loro diversi dialetti volteggiare fra i tavoli. Ridono, sono contenti e che caspita: sono a Parigi, mica a Caropepe!
No, Tigrane e Victor non hanno lesinato nella quantità del personale credendo in questa gioventù italiana che nel proprio paese è sfruttata e sottopagata. Puntano sulla qualità e sul servizio a dei costi controllati e non bassi a tutti i costi (scusate il bisticcio di parole!). In effetti il servizio è veloce ed efficiente e si capisce che la squadra funziona bene ed è affiatata.
E’ una squadra che crede e sa lavorare con professionalità perché sa che le sarà riconosciuto nella busta paga.
Non sono solo i cervelli che lasciano l’Italia ma altre eccellenze, più trascurate ed ignorate dai politici che continuano a pensare che gl’italiani sia un popolo di scienziati ed esploratori. No, noi siamo anche un popolo che è composto di pizzaioli, cuochi, artigiani, camerieri, muratori, contadini e che prima d’occuparsi dei geni (che sono una piccola percentuale) ci si dovrebbe interessare della gran massa della popolazione indirizzando l’economia verso attività che possano assorbirla e valorizzarla.
Centocinquant’anni fa Parigi, nel periodo in cui Haussmann la trasformò dandole il suo inconfondibile stile, fu edificata da muratori italiani la cui maestria era riconosciuta a livello mondiale (che dire allora di New York dove non esportammo solo mafiosi?). No, il nostro non è un popolo solo di geni … ma di gente più modesta, che sa lavorare. Centocinquant’anni fa c’era l’edilizia adesso c’è il turismo. Se permettiamo che questa giovane eccellenza lasci l’Italia allora il nostro paese si sgretolerà e resteranno solo mafiosi e scansafatiche.
Prima d’uscire stringo la mano a tutti quei ragazzi e ragazze. Loro mi sorridono e forse gli ricordo i loro padri che sono rimasti in Italia.
- Bravo … brava. – dico a tutti.
- Venga, venga ancora, ci fa piacere. – mi dicono come se il locale fosse loro.
Che bello vederli tutti lavorare e sentirli parlare ognuno col proprio dialetto che non riescono a dimenticare! E’ come se lì ci fossero tutti i giovani dell’Italia … il futuro del paese. Si percepisce che sono pregni d’entusiasmo e pensano che il mondo si possa addentare come un frutto.
In effetti ci si sente a casa.
Due giovani imprenditori francesi hanno capito come trarre vantaggio dall'Italia.
Chapeau!
Forse, dovremmo molto modestamente osservare la loro iniziativa ed imparare.
Abbandono il locale, esco e fuori c’è la coda d’avventori.
Un ultimo sguardo dentro il locale, mi sarebbe piaciuto restare ancora insieme a quella gioventù forse perché avrei voluto farne parte.
Il mio pensiero va a quando avevo ventiquattro anni appena compiuti ed ero seduto sulla punta dell’Ile de Saint Louis. Osservavo sotto di me le acque della Senna che, spinte dalla corrente, s’infrangevano contro quel cuneo che, a mo’ di prua, le divideva in due. A qualche decina di metri un ramo galleggiante s’avvicinava all'isola.
- Se va a destra torno in Italia, se va a sinistra resto in Francia. – pensai.
Tornai in Italia, mi chiedo ancora come sarebbe stata la mia vita se il ramo fosse andato sulla sinistra.
Uscendo dal ristorante ho l’impressione d’aver appena attraversato la frontiera, non geografica ma temporale. Appartengo ad un altro tempo e non tornerò più ad essere come quei giovani speranzosi.
Non so perché ma ho un nodo in gola … forse ho bevuto troppo lambrusco.

mercoledì 31 agosto 2016

L'uomo sullo scoglio

Risultati immagini per lo scoglio sul mare noto marzamemi


- Ci crediamo tutti poeti, scrittori, pensatori ... forse lo siamo ma certamente siamo piccoli uomini che vorrebbero sentirsi grandi. -
Giovanni ascoltò appena la frase di Francesco tanto la sua attenzione era assorbita dal suono della risacca del mare.
I due amici erano seduti sugli scogli di calcare scolpite dalle onde fin dalla notte dei tempi.
- Mi hai sentito? - chiese Francesco indispettito per la poca  attenzione che sembrava ricevere.
L'uomo annuì e cantilenò:
- Sì, t'ho sentito. -
Ma Giovanni continuava a guardare l'orizzonte che finiva dove il mare lasciava il posto al cielo. Lontano, su quella linea di demarcazione, avanzava lenta un'ombra, forse era una petroliera. I raggi del Sole erano indeboliti mentre l'astro finiva la sua corsa giornaliera.
- In fin dei conti era molto più suggestiva la spiegazione che si davano gli antichi sul percorso del Sole: Elio col suo cocchio, ogni santo giorno, a fare lo stesso percorso da oriente ad occidente. - disse Giovanni sempre con lo sguardo perso verso l'infinito - Ma è possibile che nessuno, allora, si fosse mai posto la domanda: e se oggi Elio non si fa la sua scarrozzata colla sua quadriga, che facciamo? -
Trascorse del tempo prima che Francesco dicesse:
- Una beata fava! Ecco cosa avrebbero fatto: una beata fava! -
- Tutti gli uomini sono piccoli anche se qualcuno si crede grande! -
- Ma che dici? -
- Mi riferisco alla tua riflessione di poc'anzi. -
- Ah, ma adesso che fai? Rispondi alle domande in maniera differita? -
- Veramente la tua non era una domanda ma un'osservazione ... eppoi io da un po' ho delle elaborazioni un po' lente. -
Proprio in quel frangente s'alzò anche una brezza marina carica di profumo marino. Giovanni sospirò profondamente proprio come se dovesse immagazzinare tutto quel odore. Poi disse:
- Non so come spiegarti ma è da un po' che ho voglia sentire di più il mondo, voglio ascoltarlo e sono meno attratto da ciò che i miei consimili mi possono dire ... sono così da quando è morta la mia amica Lara. Sono passati diversi mesi ma solo adesso sto metabolizzando la sua morte. -
- Chi era? -
- Una scrittrice. Voleva diventare un albero. -
- Un albero?.
- Sì, le parlavo spesso della nostra campagna e le proposi diverse volte di venirmi a trovare. - Giovanni sospirò.
- Sì, me ne avevi parlato.  Non t'è venuta mai a trovare ? -
- No, io le inviavo la foto del mio ulivo preferito. Lo sai quale? Quello che chiamo Ercole. Sulla curva. Lei mi diceva che sarebbe stato bello sedercisi sotto. -
- Era ammalata, vero? - 
Francesco aveva l'impressione di ricordare qualche dettaglio di ciò che gli aveva raccontato una volta il suo amico. 
- Sclerosi multipla. Lei, scherzando, diceva che sarebbe venuta da Faenza a Noto in elicottero ed avremmo passato un po' di tempo sotto Ercole in silenzio. -
- Caspita, poveretta! Dev'essere stata una morte orribile! -
Lontano, il cargo prese forma nella lontana bruma. Sembrava immobile come la lancetta d'un orologio, eppure avanzava. Giovanni l'osservava volendo distinguere l'impercettibile movimento.
- S'è suicidata. - disse e prima che il suo amico gli ponesse la domanda aggiunse - Non so come l'ha fatto, penso che deve aver preso delle pillole. Prima d'eseguire il suo ultimo desiderio, ha scritto l'ultimo pezzo sul suo blog. Scriveva divinamente. -
- Adesso comincio a ricordare meglio: era quella signora che avevi conosciuto su internet. -
- Sì, ci leggevamo i blog reciprocamente ... ero contento quando scriveva che il mio racconto l'era piaciuto. Aspettavo il messaggio che m'annunciava la sua lettura, aveva sempre delle parole lusinghiere per me. M'accorsi ad un certo punto che scrivevo quasi esclusivamente per lei. -
Mentre il giorno moriva i raggi del sole cominciarono a colorarsi d'arancio ai confini col mare. Verso sud il cargo ormai si distingueva più nettamente. Sembrava un insetto posato sulla distesa del mare. 
Banalmente Francesco pensò che non lontana c'era l'Africa.
Si voltò verso Giovanni e si sorprese osservando una lacrima che gli rigava la gota.
- Beh, che fai piangi adesso? -
- Andai a trovarla un giorno a Faenza, lei mi chiese se l'aiutavo per il suo ultimo viaggio. Io le risposi di no, sapevo di cosa parlava. Le accennai qualche cosa per giustificare la mia scelta, tipo: lei deve ancora scrivere, può ancora produrre ... cazzate! Lo sapevamo tutti e due. Il male ormai l'aveva devastata e tutto le risultava penoso e doloroso. Lara mi sorrise e, leggendo nel profondo dei suoi occhi, compresi la sua determinazione ... uscendo da casa sua mi dissi ch'ero stato un vigliacco e me lo dico ancora. -
Ormai era possibile distinguere meglio cos'era la nave: no, non una petroliera ma una portacontainers. Certamente era diretta al porto di Augusta.


Quella sera, tornando a casa, Giovanni andò da Ercole e si sedette solo di lui. L'accarezzò e sentì sotto le dita la ruvidezza della corteccia.
Sopra il cielo era stellato, la luna,in  quella notte buia, non sarebbe sorta.
- Ercole, io non voglio diventare un albero ma uno scoglio. Uno scoglio proteso verso il mare, verso l'infinito. Spero che non t'offenderai. -
No, l'ulivo non s'offese.


mercoledì 30 marzo 2016

Lettera aperta ai candidati Sindaco per la città di Noto



Buon giorno, mi chiamo Italo Persegani e sono quel signore che nelle foto indossa una camicia a scacchi, prossimo alla sessantina e col fisico un po’ appesantito per i troppi anni passati dietro alle scrivanie. Sono stato immortalato mentre raccolgo immondizia nella giornata del 29 marzo 2016 sulla strada provinciale n. 64 in contrada Fiumara ad appena un chilometro dal paese di Noto. I “trofei” raccolti si trovavano in parte sul ciglio della strada ed in parte dentro il terreno d’un signore a me sconosciuto. Mentre ero in procinto di lanciarmi nella mia impresa una macchina s’è accostata ed un giovanotto dal finestrino m’ha apostrofato: guardi che qui a Noto c’è un luogo apposito dove gettare l’immondezza! Gli ho sorriso e gli ho risposto: non getto, raccolgo. No, l’immondizia non era mia ma di qualcun altro che pratica la disciplina sportiva del “lancio del sacchetto”. Nel meridione, e nello specifico in Sicilia, vi sono molti adepti a questo sport. Infatti non sono pochi coloro che da decenni nutrono la speranza che la specialità sia introdotta fra le discipline sportive delle prossime olimpiadi, non quelle del Brasile (ormai troppo prossime) ma quelle successive. Per questo motivo gli atleti s’allenano duramente ogni giorno ed i sacchetti che si trovano un po’ dappertutto sono il risultato delle dure sessioni d’allenamento. Non sia mai che finalmente il “lancio del sacchetto” entri fra le discipline del comitato olimpico e loro si trovino impreparati!


Non esiste solo l’ipotesi olimpica per fornire una spiegazione alla piaga dell’immondizia sparsa per le strade, infatti vi è chi, seguace di Lorenz Konrad e particolarmente ferrato in etologia comparata (scienza che esplora le correlazioni fra l’antropologia e l’etologia), ha trovato un’altra spiegazione: coloro che disseminano l’immondizia sono molto prossimi agli animali ed in particolare ai cani. E’ ben noto, infatti, il comportamento dell’amico dell’uomo che, quando può, delimita la sua zona mingendo l’urina in un’area immaginaria. Bene, i “lanciatori/trici di sacchetti” osservano lo stesso rituale in quanto depositano le loro lordure lungo i confini immaginari dell’area in cui abitualmente vivono. E’ stato osservato infatti che nessuno deposita l’immondizia nell’appartamento o nel proprio condominio ma lontano da dove in genere si risiede. Sì, esattamente come le simpatiche bestie! Avete mai visto un cane fare pipì o cacca dentro la propria cuccia? Certo che no, esattamente come i “lanciatori d’immondizia” che quindi, a tutti gli effetti, possono definirsi più vicini agli animali che agli esseri umani. Scrivendo questo non vogliamo arrecare nessuna offesa ai cani poiché come diceva Eberhard Trumler: Il mondo del cane è più ricco di quanto noi si possa immaginare.


Non è da credere che questa teoria, per quanto dotta, sia universalmente accettata poiché esistono innumerevoli detrattori. Fra i più agguerriti vi sono coloro che sostengono la non fondatezza di questo pensiero in quanto la teoria non può estendersi su tutto il genere umano. Infatti, dicono, perché i “lanciatori di sacchetti” si concentrano di più nel meridione dell’Europa ed in particolare nel Sud dell’Italia e non si distribuiscono equamente su tutto il territorio? In effetti gli etologi per un certo tempo rimasero disorientati di fronte a questa affermazione ma a loro venne in aiuto Charles Darwin, padre della teoria evoluzionista. Il grande scienziato sostenne che i “lanciatori di sacchetti” sono un esempio d’evoluzione ritardata rispetto al resto del genere umano. Sì, ma perché la popolazione dei “lanciatori” si concentra di più nel sud? Perché l’effetto climatico (il sole, il caldo) rende il genere umano più pigro e con riflessi tanto allentati da ritardarne, in certi casi, anche l’evoluzione soprattutto in soggetti che possiedono un limitato sviluppo celebrale. La specifica tecnica dei “lanciatori di sacchetti” siciliani, che si contraddistinguono nella tecnica e nell’ostinazione dell’atto, fece riflettere Darwin sull’opportunità di verificare la sua teoria evoluzionistica su un’isola e per un certo tempo fu combattuto se scegliere o le Galapagos o la Sicilia. Come tutti sanno scelse l’arcipelago delle Galapagos e qualche suo maldicente coevo disse che optò per l’alternativa più facile.


Scusatemi cari candidati se mi sono così dilungato nell’introduzione di questa mia ma penso che abbiate ben compreso che sul soggetto possiedo (ahimè!) una certa sensibilità. Per fortuna, non sono il solo poiché a Noto siamo in molti ad essere preoccupati: non solamente i nuovi residenti (io ho scelto di trasferirmi in zona nel 2004) ma anche la maggior parte dei netini che vorrebbero il loro territorio più pulito. In realtà io sono poco interessato a conoscere se dietro all’annoso fenomeno si celino teorie sportive, antropologiche o evoluzionistiche, vorrei invece che il fenomeno cessasse o quanto meno s’attenuasse drasticamente. Per sgombrare il campo da qualsiasi dubbio e retro pensiero che può far pensare che io sia il solito “forestiero” che viene in Sicilia per dire la sua, voglio subito precisare che sono siciliano di nascita e che pur avendo vissuto per necessità buona parte della vita fuori dalla mia isola ritengo di conoscere la Sicilia come le mie tasche. Ho deciso di tornare e questa volta, come Patrick de Mac Mahon, j’y suis, j’y reste (ci sono e ci resto!)! Quindi, ed arrivo al punto di questa mia, qual è il vostro piano per sconfiggere il malcostume imperante del “lancio della spazzatura”? La mia domanda, ed adesso smetto di celiare, è seria e dovrebbe ricevere una risposta altrettanto seria, fatta di programmi su cui dovrete rendere conto ai cittadini. Per favore, non vi sto chiedendo d’esercitarvi in dichiarazione d’intenti od in slogan elettorali, ma un piano programmatico (azioni, modalità, finanziamenti, tempistiche) che mostri una capacità di risposta concreta ad un problema. Lo so che siete impegnati ad “acchiappare” voti ma questa lettera (la indirizzerò al sito d’ognuno) dovrebbe essere un’opportunità per ciascuno di voi per mostrare di che pasta è fatto. Noto, come molte città italiane, ha molti problemi e quello della sporcizia diffusa è uno dei tanti ma l’illustrazione d’un programma serio sull’argomento potrebbe far ben sperare che anche sugli altri soggetti abbiate la capacità di ben proporvi. Potrebbe far credere.
Non serve una risposta che descriva il passato ma che dia delle soluzioni guardando al futuro. Non mi faccio illusioni: se non dovessero esserci risposte a questa mia non mi sentirò frustrato poiché anche una non risposta consentirà di comprendere il vostro approccio su problemi concreti.

Cordialmente
Italo Persegani

giovedì 3 marzo 2016

L'attrice


Afficher l'image d'origine


Paolo si chiedeva che ci faceva lì, su quel palco col mento appoggiato sulla sbarra d'ottone che fungeva da parapetto.
Sul palcoscenico degli attori senza virtù, esagerando le intonazioni, gridavano al pubblico il copione.
Sì, anche lui come molti s'era recato a quello spettacolo per assistere alla prova dell'attrice bionda.
- Certo, deve aver un buon agente. - pensò Paolo.
Qualche decennio fa' lui ricordava lo sguardo dell'attrice perforargli il cervello dai rotocalchi.
Quegli occhi verdi come il mare dell'Antille.
Rispetto agli altri suoi colleghi lei si muoveva con maggiore sicurezza sulle assi del palco ... ma in quanto a talento non se ne vedeva neanche la più pallida traccia!
Paolo una profonda delusione e, per vendicarsi, cominciò a cercare i segni del tempo sull'attrice.
Il cerone non riusciva più a nascondere le rughe della donna ed osservando bene notò che le braccia nude mettevano in evidenza la perdita di tonicità dei muscoli dell'avambraccio. Ma ciò che resisteva alla forza di gravità era il seno che, messo pienamente in mostra, sembrava esplodere da un momento all'altro dal décolleté come se volesse fuggire da quel corpo.
Finalmente arrivò l'intervallo.
Paolo estrasse il suo cellulare e cominciò a fare una ricerca su internet.
Sullo schermo apparvero varie immagini dell'attrice con i seni scoperti.
La signora che col marito occupava il palco insieme a Paolo fissò quelle istantanee e rivolse al marito uno sguardo ch'era un misto di disapprovazione e scandalo.
Svogliatamente Paolo la fissò.
- Guardi signora - disse non dissimulando il tono di dileggio - Guardi la nostra brava attrice ... trent'anni fa aveva il seno piatto ... quello che mostra adesso è solo uno sfoggio di vanità su qualcosa che, di fatto, è falso ... capisce? -
La donna lo guardò con gli occhi spalancati come se si trovasse di fronte ad un essere demoniaco.
- Guardi, guardi anche lei signore ... non trova che se l'è un po' troppo gonfiato il seno? - insistette Paolo rivolgendosi questa volta al marito.
- Beh, sì in effetti ... sì, penso proprio di sì ... è troppo grosso questo seno! - rispose l'uomo con tono di chi vuole mostrare d'essere un intenditore.
Per fortuna il buio tornò nel teatro e tolse la coppia dall'imbarazzo.
Paolo sentì che piano piano la donna allontanava la sedia da lui.
- Manco se fossi un appestato! Scema d'una benpensante! - pensò.
Gli attori ricominciarono la loro pessima esibizione.
- Buona continuazione. - disse mentre lasciava il palco.
Fuori, sulla via principale del paese, non vi era anima viva.
L'umidità della sera bagnava la via lastricata di lava riflettendo la luce dei lampioni.
- Ma che ognuno si faccia esplodere le tette come vuole! Ma chi se ne frega di quella là? - si disse fra le colonne all'uscita del teatro.


Camminò con le mani in tasca. Non aveva voglia di rientrare a casa.
Vagò a casaccio.
Le strade erano deserte.
- Sembra un paese di morti. -
Non lontano vide un'insegna.
- Magari ci trovo dei vivi. -
Era un Wine Bar, di quelli che se la tirano un po' e che vogliono dare l'immagine d'essere un po' radical chic.
- Un Manhattan. - chiese.
La ragazza dietro al bancone diede sfoggio della sua professionalità con troppo entusiasmo. Mise talmente energia nell'agitare lo shaker che frantumò un bicchiere appeso sopra la sua testa. Paolo si diede un pizzicotto alla gamba per non ridere.
La barman lo guardò di sottecchi ma lui giocò l'indifferenza.
Il Manhattan era buono e lui lo ingurgitò come se fosse acqua fresca.
- Un altro, per favore. -
Questa volta la ragazza non ruppe alcun bicchiere.
Il cocktail fu scolato in men che non si dica.
- Un altro, per favore ... - poi aggiunse quasi scusandosi - Ho freddo! -
Il terzo intruglio lo sorseggiò.
- Posso uscire? Non scappo col bicchiere. - assicurò mentre pagava.
Di fronte al locale v'era una gradinata. Si sedette sopra ed osservò le vetrine del locale. C'era poca gente per lo più giovani, delle coppie.
Con i gomiti s'appoggiò sui gradini superiori ed inclinò la schiena.
La sua mente era vuota, alzò lo sguardo verso il nero del cielo racchiuso dalle facciate di due palazzi cadenti e corrosi dal tempo e dall'incuria.
Si chiese cosa avrebbe fatto del tempo che gli restava.
Già qualche mese fa il dottore che lo seguiva gli aveva dato poco da vivere e forse era andato un po' più al di là delle aspettative.
Abbassò lo sguardo e vide un uomo entrare nella via. Avanzava con passo deciso su quella strada in salita.
L'osservò  inerpicarsi fino a quando arrivò alla sua altezza.
L'uomo s'arrestò.
- Buona sera. -
- Buona sera. - rispose Paolo chiedendosi se conosceva quell'individuo.
- Bella serata, non è vero? -
- Non c'è male ... la conosco? -
- Non so ... io sì, invece, lei è Paolo. -
- Sì, sono Paolo ... come sa il mio nome? -
- Conosco un po' tutti da queste parti ... -
Paolo osservò il viso del nuovo arrivato. Era stempiato, il viso rotondo e l'espressione un po' paciosa come quella di qualcuno che ci si aspetta sia iscritto a Comunione e Liberazione. Non era eccessivamente alto, ma un po' rotondetto. Gli sembrò un essere anonimo, come tanti.
- Cosa posso fare per lei? - chiese Paolo.
- Niente. Mi sono fermato qui davanti a lei per prendere fiato ... questa salita m'uccide ogni volta che la faccio. Eppure fa bene sottoporsi a degli sforzi. Forse dovrei dare un taglio con le sigarette! Lei fuma? -
- Ho smesso un anno fa! Ma non è servito a molto. -
- Ha ancora il fiatone? -
- Sì e no ... diciamo che non è servito molto smettere di fumare per arrestare l'avanzata del cancro ... adesso ce l'ho dappertutto ... troppo tardi! -
- Capisco. - disse l'uomo cortesemente.
Paolo bevve un altro sorso del suo Manhattan.
Ai piedi della salita s'affacciò una piccola brigata.
Davanti a tutti camminava l'attrice dal seno marmoreo.
- Deve aver finito la rappresentazione ... chissà in quale altri paesi deve andare per continuare la sua tournée provinciale? - disse Paolo.
- Mi sembra che domani debba recitare a Modica. - disse lo sconosciuto.
Entrambi osservarono il gruppetto d'attori avanzare. Con loro vi era un notabile locale che, con aria ossequiosa, faceva da guida agli attori.
Parlottando e ridendo la comitiva s'infilò nel locale di fronte ignorando Paolo e lo sconosciuto.
I proprietari del Wine Bar furono ben contenti d'avere una star come cliente e ben presto richiesero dei selfie.
- Ma si può? ... ma si può essere così banali e previsibili? ... possibile che la gente adesso si sappia esprimere solo facendosi delle fotografie ed assumendo tutti la stessa espressione imbecille? - si domandò Paolo stizzito.
- Così va il mondo! -
- Sarà ... ma io sono stanco di questo mondo ... veramente stanco, lo sa? -
- Lo vedo ... lo vedo che è stanco. -
- Forse ho bevuto troppo ... non tengo più l'alcool, forse le medicine? -
- E' probabile ... si rilassi, allora, e non beva più. -
Entrambi guardarono oltre la vetrata del locale dove gli attori ridevano e, seduti ad un tavolo, bevevano del vino.
- Mai visti attori più scadenti! - disse Paolo che, poi, aggiunse - Ho le palpebre che sembrano fatte di piombo tanto le sento pesanti. -
- Le chiuda, allora! - gli consigliò l'uomo - Non si preoccupi ci sono qui io. -
- Sarà una cagna nel recitare ma s'è fatta certe tette! - esclamò Paolo mentre, sorridendo, chiudeva gli occhi.


Molti erano fuori dal locale e gli abitanti delle case, affacciati ai balconi, sembrava stessero assistendo ad una pièce teatrale
La ragazza dei cocktail, come tutti, osservava la nota attrice rilasciare un'intervista al giornalista della televisione locale. L'uomo sembrava non riuscire a contenere la sua gioia: il suo programma avrebbe trasmesso un intervista con la diva!
La donna nonostante l'aria fresca della notte aveva sbottonato il soprabito ed orgogliosamente presentava alla telecamera il suo décolleté reso esplosivo dalla chirurgia plastica.
- Ma che è successo? - chiese un passante alla barman.
- Ero venuta a recuperare il bicchiere d'un cliente che s'era seduto a bere un cocktail sulla scalinata. Credevo dormisse, aveva il bicchiere in mano e temevo che lasciandolo andare lo rompesse ... invece non dormiva ... l'avevo visto parlare da solo come fanno spesso gli ubriachi, come se avesse una persona di fronte a lui ... ma non potevo pensare che fosse morto. Maria, che impressione! Il primo morto che vedo in vita mia! -
- Minchia! - disse il passante impressionato per il racconto - Ma quella non è l'attrice ... ? -
- Sì, è lei. Le ho fatto un cocktail ... ed abbiamo fatto un selfie. Guardi. -
Il medico di guardia si fece largo fra la folla e raggiunse le spoglie di Paolo coperte da una tovaglia stesa a mo' di bianco sudario.
- Buona sera dottore. - gli disse un carabiniere.
- Buona sera, appuntato. Immagino che quello sia il morto? -
- Sì, dottore. -
- Allontani la gente, per favore. -
 Il medico scostò la tovaglia dal volto di Paolo e gli pose la mano nel sottogola.
- Questo qui è proprio morto! ... potete portarlo via. - ed aggiunse - E' morto sorridendo, chissà a cosa stava pensando! -